La sorprendente relazione tra noia e creatività

LA SORPRENDENTE RELAZIONE TRA NOIA E CREATIVITÀ

woman 4702060 960 720

Una generazione che non riesce a tollerare la noia è una generazione di uomini piccoli, nei quali ogni impulso vitale appassisce”. 

La conquista della felicità, Bertrand Russell, 1930.

La noia ci spinge a diventare curiosi, e la curiosità è uno dei nostri beni più preziosi perché ci guida a cercare nuove opportunità.

 La Royal Society ha pubblicato l’antica testimonianza rispetto all’effetto che la noia ha prodotto su Isaac Newton (1643-1727). Durante i suoi momenti di ozio passato sotto un albero, Newton viene colpito da una mela sulla testa. Da lì nasce un processo di pensiero e di azione che lo conduce alla legge di gravità.

Se riflettessimo sulla noia ci renderemmo conto che, rispetto ad altre emozioni, riguarda sempre il presente.

Ad esempio la paura riguarda il prossimo futuro, il rimpianto il passato. La noia invece no, è qui e ora. Può sembrare strano ma la noia è, a livello individuale, un fattore di benessere e di salute mentale. Quando ci annoiamo la nostra mente si muove per reazione verso una nuova direzione, portandoci il più delle volte a maggiore creatività.

Questo però avviene se siamo abili nello “stare dentro alla noia” evitando quei comportamenti quasi automatici che portano a sfuggirla (come aprire il frigorifero, guardare le notifiche del telefono, selezionare l’ennesima serie di Netflix...).

Immagine2

Per approfondire la stretta relazione tra creatività e noia è stato ideato un esperimento in laboratorio.

Ad alcune persone è stato chiesto di svolgere un compito monotono e per certi versi noioso; ad altre invece di cimentarsi in attività più interessanti. Subito dopo è stato chiesto a entrambi i gruppi di produrre idee creative. Ebbene, le idee prodotte dal primo gruppo sono risultate migliori rispetto a quelle dell’altro!

La domanda è: come possiamo cominciare a usare consapevolmente la noia per stimolare la nostra curiosità e creatività?

Quando parliamo di creatività non intendiamo inventare da zero qualcosa di nuovo, ma ad esempio trovare soluzioni a ciò che non funziona o fare in modo diverso quello che svolgiamo abitualmente.

Creatività è anche questo, sfruttare questo momento per ripensare a noi e alle nostre abitudini.

Immagine1

Potremmo pensare: la creatività non mi appartiene! Oggi le neuroscienze, attraverso il concetto di neuroplasticità, ci insegnano che non è propriamente così. Più esercitiamo la nostra creatività più riusciamo a trovare soluzioni creative, e in questo è fondamentale la volontà. A livello celebrale l’amigdala è quella zona coinvolta nelle emozioni ed è responsabile anche di molti processi creativi. Quindi sembrerebbe che anche le emozioni possano stimolare i nostri processi di creatività.

Privacy Policy

Copyright © Eu-tròpia Srl